Articoli

NDUSTRIA 4.0. QUALI SONO LE 6 TECNOLOGIE ABILITANTI SECONDO IL POLITECNICO DI MILANO?

INDUSTRIA 4.0. QUALI SONO LE 6 TECNOLOGIE ABILITANTI SECONDO IL POLITECNICO DI MILANO?

Le imprese italiane si affannano alla ricerca del vantaggio competitivo nel proprio mercato. Il Politecnico di Milano con il suo Osservatorio Industria 4.0 definisce le soluzioni di digitalizzazione dei processi di produzione e supply chain che potranno fare la differenza nel prossimo futuro per le aziende operanti in tutti i settori

In questo articolo DIGITAL4BIZ elenca e prova a dare una definizione delle 6 tecnologie abilitanti definite dal Politecnico di Milano. L’articolo completo è disponibile a questo link: shorturl.at/cfwGW

l termine Industria 4.0, o Smart Manufacturing, sta ormai entrando nel linguaggio comune in relazione ai sostanziali cambiamenti che le nuove tecnologie stanno portando all’interno dei settori industriali. Ma cosa significano precisamente queste espressioni? Il Politecnico di Milano fornisce una serie di definizioni chiare e rigorose nel primo report del suo Osservatorio Industria 4.0.

Completa la lettura al seguente link: shorturl.at/cfwGW

LA FORMAZIONE NELL'ERA DELLO SVILUPPO TECNOLOGICO

LA FORMAZIONE NELL’ERA DELLO SVILUPPO TECNOLOGICO

I trend tecnologici 2021 nell’apprendimento

L’articolo di oggi viene da Linkedin ed è a cura di Orazio Stangherlin. Parliamo di temi interessanti per chi vuole farsi trovare aggiornato sul mondo della digitalizzazione. Potete leggere l’articolo completo a questo link

Negli ultimi anni si sente parlare sempre più spesso di digitalizzazione dei processi, di un settore, di un’azienda e così via, intendendo con questa parola una sorta di passaggio dall’analogico al digitale che comporta quindi una codifica di pratiche comunemente svolte “a mano”, “faccia a faccia”, “con strumenti cosiddetti tradizionali”, in modalità coinvolgenti la tecnologia e le sue innumerevoli possibilità applicative.

Ma la formazione?

Naturalmente la digitalizzazione ha coinvolto anche le aree dell’apprendimento e dello sviluppo, basti pensare a concetti quali e-Learning, formazione a distanza (comunemente abbreviata con FAD), mobile learningpiattaforme LMS, solo per citarne alcuni. In particolare, nell’ultimo periodo, a causa dell’emergenza socio-sanitaria da COVID-19, si è registrato un forte incremento di attività online in ambito formativo-didattico, poiché, come ben sappiamo, tra le misure cautelative adottate è stato ritenuto necessario chiudere scuole di ogni ordine e grado, centri di formazione professionale e istituti educativi privati. In tale contesto, la tecnologia ha assunto un ruolo fondamentale nel permettere la continuazione di una forma di normalità dei processi, nonché del loro mantenimento nel tempo, che ad oggi continua a risultare valida ed efficiente nonostante si stia pian piano tornando alla consueta normalità.

L’AECT (Association for Educational Communications and Technology) ha delineato il concetto di EdTech (Educational Technology), definendolo come quel “processo di facilitazione e miglioramento delle performance attraverso la creazione, l’uso e la gestione appropriata dei processi e delle risorse tecnologiche”. 

La formazione a livello aziendale non è stata esente da tali dinamiche, l’incrocio tra tecnologia e apprendimento ha subìto un forte incremento solo nel 2020, incidendo fortemente sui risultati relativi allo sviluppo di conoscenze e portando la sua priorità ad un livello massimo all’interno dell’agenda aziendale. Comprendere quali tecnologie adoperare nel rendere fruibile, di valore, efficace ed efficiente l’apprendimento online è risultato essere cruciale. Secondo Deloitte il mercato della formazione della Cina potrebbe raggiungere ben 715 miliardi di dollari entro il 2025, generando considerevoli guadagni per gli investitori.

È semplice dedurre che il settore della formazione continuerà quindi a mutare in modo decisivo e rapido, sia nelle tecnologie sia nelle metodologie, che a loro volta dovranno innovarsi di pari passo con i nuovi strumenti adoperati.

Completa la lettura al seguente link

Competenze con l'industria 4.0

COMPETENZE CON L’INDUSTRIA 4.0

Sono tante le opportunità per le imprese che investono sull’industria 4.0. Oggi si posso ottenere agevolazioni anche per lo sviluppo delle competenze grazie alla formazione in azienda

L’articolo di oggi viene direttamente dal ministero dello sviluppo economico che riepiloga le opportunità per le imprese. Potete leggere l’articolo completo a questo link: http://shorturl.at/cqTV6

Il nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 è il primo mattone su cui si fonda il Recovery Fund italiano. L’investimento consiste in circa 24 miliardi di Euro per una misura che diventa strutturale e che vede il potenziamento di tutte le aliquote di detrazione e un importante anticipo dei tempi di fruizione.

Il nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 si pone due obiettivi fondamentali:

  • Stimolare gli investimenti privati;
  • Dare stabilità e certezze alle imprese con misure che hanno effetto da novembre 2020 a giugno 2023.

Nuova durata delle misure

  • I nuovi crediti d’imposta sono previsti per 2 anni;
  • La decorrenza della misura è anticipata al 16 novembre 2020;
  • È confermata la possibilità, per i contratti di acquisto dei beni strumentali definiti entro il 31/12/2022, di beneficiare del credito con il solo versamento di un acconto pari ad almeno il 20% dell’importo e consegna dei beni nei 6 mesi successivi (quindi, entro giugno 2023).

[…]

Credito Formazione 4.0

  • Estensione del credito d’imposta alle spese sostenute per la formazione dei dipendenti e degli imprenditori;
  • È riconosciuto nell’ambito del biennio interessato dalle nuove misure (2021 e 2022).

Completa la lettura al seguente link: http://shorturl.at/cqTV6